Sassano (SA) – Bolletta dell’acqua da oltre 4mila euro. Il giudice di pace dà ragione ad un utente

Il giudice di Pace di Sala Consilina ha dato ragione ad un cittadino di Sassano in un ricorso contro la Consac di Vallo della Lucania che gli aveva inviato una bolletta dell’acqua per la stratosferica cifra di 4.030 euro. Il cittadino sassanese, difeso dall’avvocato Vincenza De Maio del Codacons di Sala Consilina, aveva più volte segnalato anomalie nel calcolo della bolletta e il giudice gli ha dato ragione sostenendo che non deve nulla al Consac. Il gestore del servizio idrico, secondo il giudice, “non solo non ha dato prova dei consumi idrici richiesti, ma si è avvalsa per provare il suo credito di un documento la cui sottoscrizione si è rivelata non appartenente all’attore”.

Lascia un Commento