Sassano: Auto su clienti del bar, investitore accusato di omicidio volontario (AUDIO)

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

E' accusato di omicidio volontario, Gianni Paciello, il 22enne di Sassano che ieri con la sua Bmw è piombato sui tavolini del bar nella rotatoria di Silla di Sassano uccidendo quattro giovani, tra i quali il fratello 15enne. Secondo quanto si apprende dai carabinieri, l'accusa è stata formulata questa mattina dalla Procura di Lagonegro.

L’investitore, che in un primo momento era stato portato all’ospedale di Polla è stato poi trasferito a Salerno, dove è piantonato in stato di arresto. Il tasso di alcol nel sangue era di circa tre volte superiore al limite consentito.

Secondo gli investigatori, Gianni Paciello, che è risultato negativo ai test medici inerenti l'assunzione di sostanze stupefacenti, nello stato confusionale in cui si trovava causato dall'alcol non doveva mettersi alla guida di un'auto.

E l'Asaps, Associazione nazionale sostenitori amici della polizia stradale, commenta con soddisfazione l’accusa di omicidio volontario formulata dalla Procura di Lagonegro a carico di Gianni Paciello. “Quello di ieri, secondo l’Asaps, è un caso di stra-omicidio stradale”. Il presidente dell’associazione Giovanni Bisemi dice di ammirare il coraggio della Procura che imputa l'omicidio volontario, perché strategicamente è l'unica strada per non farla franca, come invece accade spessissimo.

Nella media, la condanna finale per gli omicidi stradali causati da un conducente ubriaco o drogato è di 2 anni e 8 mesi. L'Asaps conduce da tre anni, con le associazioni Lorenzo Guarnieri e Gabriele Borgogni, una battaglia per la introduzione del reato di omicidio stradale.

La tragedia ha sconvolto l’intera comunità di Sassano che già da oggi è in lutto per decisione del sindaco Tommaso Pellegrino, in attesa dei funerali.

Ecco il podcast dell'intervista al sindaco

Intervista a Tommaso Pellegrino

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

#IoRestoACasa

Ecco un video che spiega come fermare il contagio da #coronavirus

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp