S.Arsenio – Processo Chernobyl, il comune di costituirà parte civile

Il Comune di Sant’Arsenio ha deciso di costituirsi parte civile nel processo Chernobyl, in corso al Tribunale di Salerno, e che vede al banco degli imputati 39 persone per vari reati collegati allo smaltimento illegale di rifiuti speciali. Il sindaco del Comune del Vallo di Diano, Nicola Pica, precisa che “la vicenda è stato oggetto di attento interesse da parte dell’amministrazione comunale, fin dal 2008, quando nel mese di febbraio, con una delibera di giunta venne conferito incarico legale, all’avvocato Nicola Senatore, il quale tutt’ora, cura gli interessi del Comune di Sant’Arsenio nel corso del processo”. Il primo cittadino poi, in una nota stampa, evidenzia che le analisi effettuate dall’Arpac hanno classificato i rifiuti rinvenuti sui terreni del comune di Sant’Arsenio, coinvolti  nel Processo Chernobyl, come “Rifiuti Speciali NON PERICOLOSI”.

Nicola Pica infine rassicura i concittadini di Sant’Arsenio che sono molto preoccupati per le  inesatte informazioni dell’ultimo periodo in merito ai rifiuti sversati su alcuni terreni comunali.

Lascia un Commento