Sarno, inaugurata la scala della cultura. E’ la prima in Italia. Le interviste

Inaugurata ieri all’IIS di Sarno la “Scala della Cultura”: 17 scalini e 17 libri tra i più importanti della Letteratura Italiana. Tra l’Iliade e La Divina Commedia, tra La Coscienza di Zeno e Il Decamerone, spicca anche un testo fortemente legato all’identità territoriale, “Le Filande di Sarno”. 

Una scala in legno suggestiva e di forte impatto, con la guida de Il Gabbiano Arte e la maestra d’Arte Carmela Milone. 

Un’opera importante che rientra nel progetto “E…viva la scuola 3”. 

La Scala della Cultura è la prima in Italia e la seconda nel mondo: la prima si trova in Libano. 

Quella di Sarno ha, però, una particolarità in più, alla fine riporta un libro con le pagine aperte e la scritta: “Non dar retta ai tuoi occhi E non credere a quello che vedi. Gli occhi vedono solo ciò che è limitato. Guarda con il tuo intelletto e scopri quello che conosci già, allora imparerai come si vola». R. Bach, Il gabbiano Jonathan Livingston. 

Alla cerimonia di inaugurazione, grande l’emozione del dirigente Antonio Di Riso : “Questa opera – ha detto – l’abbiamo voluta fortemente e rispetto a quella in Libano ha un elemento in più, il libro posto alla sommità con una frase che rappresenta un invito a tutti a superare i propri limiti. La Scala della Cultura rappresenta un lavoro d’arte ed anche di grande integrazione: ci hanno lavorato trenta studenti di numerose nazionalità, studenti diversamente abili. La particolarità, per noi è ormai normalità, è un istituto tecnico che fa teatro, arte. Abbiamo voluto dare gli strumenti perchè la creatività potesse esplodere ed esprimersi. Io ho voluto nella scuola delle opere d’arte realizzate dagli studenti per fare della scuola un museo”. 

Al microfono di Radio Alfa, la Maestra D’Arte, Carmela Milone e le studentesse che hanno lavorato alla Scala della Cultura, Redola 3 Ragioneria, Manuela 3B ITC, Iustra 3E ITC

inaugurazione scala della cultura

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento