Sarno, avvisi di accertamento per imposta non versata su opere di sicurezza post frana.

L’Agenzia delle Entrate chiede 5 milioni di euro al Comune di Sarno per le opere di messa in sicurrezza post frana. 

Lo rende noto il vice sindaco, Gaetano Ferrentino  che si è recato a Roma per far conoscere questa vicenda paradossale che riguarda gli atti di trasferimento dei suoli espropriati ai privati, per costruire le opere di messa in sicurezza.

Come scrive Sarnonotizie, l’Agenzia delle Entrate ha notificato avvisi di accertamento per l’imposta di registrazione non versata sia ad Arcadis, agenzia Regionale, che al Comune, responsabili in solido. Si tratta di oltre 1000 euro ad avviso, somma che, moltiplicata per migliaia di espropri, arriva a sfiorare 5 milioni di euro.

Le strade per evitare il dissesto per il Comune sono due: una nota interpretativa del Ministero dell’Economia e delle Finanze e una circolare dell’agenzia dell’entrate; oppure un trasferimento di 5 milioni a copertura della spesa.

 

Lascia un Commento