Sapri (SA) – Stasera nell’aula consiliare del Comune si parla di informazione e mafia

Si parlerà d’informazione libera nelle terre di Sicilia infestate dalla mafia questa sera a partire dalle 17 nell’aula consiliare del Comune di Sapri. Si tratta del secondo incontro del corso di formazione intitolato “Educazione alla cultura”, promosso dall’IIS “Leonardo da Vinci” e dall’associazione culturale Agorà con il patrocinio morale del Comune di Sapri. Al dibattito interverranno Giovanna Corradini (nella foto), giornalista d’inchiesta della redazione www.giornalismi.info/vocilibere, e Carlo Ruta, storico e saggista, fine analista dei fenomeni criminali siciliani, protagonista, suo malgrado, di un procedimento penale primo ed unico nel suo genere in Europa che lo ha visto condannare nel 2008 dal Tribunale di Modica e nel 2011 dalla Corte di Appello di Catania per avere intrapreso la pubblicazione del giornale di informazione civile denominato "Accade in Sicilia", diffuso su internet, senza che fosse stata eseguita la registrazione presso la cancelleria del Tribunale competente (art. 5, legge 47 del 1948).L’incontro sarà l’occasione anche per presentare l’ultimo libro di Carlo Ruta e Giovanna Corradini, Il caso Spampinato, pubblicato nel novembre del 2012, in cui è descritto, con l’ausilio di un corposo apparato documentario, il perverso intreccio tra mafia, neofascisti, affari e parti di istituzioni infedeli che causò la morte del ventiseienne Giovanni Spampinato, giornalista ragusano insignito dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano del Premio Saint Vincent per il giornalismo alla memoria.

Lascia un Commento