Sanza, si rinnova il gemellaggio con 12 studenti del Klettgau. Ieri la visita a Paestum

Emozionati e meravigliati.

Negli occhi dei ragazzini tedeschi giunti a Sanza nella serata di ieri dal Klettgau,  regione del Baden-Württemberg, nel sud della Germania, si legge il senso stesso dell’amicizia e del futuro dell’Europa dei popoli.

Una delegazione di 12 studenti, con tre accompagnatori tra cui la dirigente scolastica Gerda Schilling, sono stati accolti in modo festoso dalla comunità di Sanza nell’ambito del consueto scambio culturale tra le due città che dura da ben 11 anni.

Per cinque giorni, ospiti delle famiglie, i ragazzini tedeschi avranno l’opportunità di vivere e conoscere non solo la lingua, ma soprattutto gli usi i costumi e le abitudini della comunità sanzese.

Un’esperienza unica nel suo genere che testimonia la grande lungimiranza avuta dai promotori del Comitato di Gemellaggi che 11 anni fa intrapresero questo percorso straordinario di crescita culturale.

Molto articolato il programma di iniziative che vedranno protagonisti i giovani tedeschi.

Intanto, già ieri, una prima importante visita conoscitiva della straordinaria location del Parco Archeologico di Paestum. Nei prossimi giorni poi sono previste escursioni alla Certosa di San Lorenzo a Padula ma anche nel Golfo di Policastro per godere della costa cilentana e dello splendido mare.

Una settimana tra i banchi di scuola per conoscere il modello educativo italiano ma anche incontri, escursioni e visite ad attività artigianali del luogo per approfondire la conoscenza della comunità di Sanza.

Parole di grande apprezzamento per questa iniziativa sono state espresse dal sindaco di Sanza, Francesco De Mieri, nel suo discorso di saluto nei confronti di quanti si adoperano ogni anno per la realizzazione di questo progetto. “Un ringraziamento sentito alle famiglie che partecipano con grande impegno a questo programma culturale che arricchisce ogni anno la nostra comunità di un tassello fondamentale nel percorso di realizzazione dell’Europa dei popoli e della gente che è molto diversa e distante dall’Europa dei conti e della burocrazia” così ha detto De Mieri.

Il gemellaggio tra Sanza ed il Klettgau è una pietra miliare ed esempio assoluto della costruzione della fratellanza e dei valori fondanti dell’Europa.

“Il Comitato di Gemellaggi è l’esempio stesso dell’impegno che ogni cittadino dovrebbe profondere nei confronti del prossimo. Il futuro si costruisce ogni giorno, un pezzo alla volta, con impegno e sacrificio. Il futuro è nelle mani e nelle menti di questi giovanissimi cittadini di un Europa che deve ancora realizzarsi e che avrà successo solo se noi continuiamo ad insistere su questa strada che mette al centro l’accoglienza, il rispetto reciproco e soprattutto l’amicizia e la conoscenza” ha affermato il vicepresidente del Comitato di Gemellaggi, Lorenzo Peluso.

“A nome di tutto il Comitato di Gemellaggi, un ringraziamento sentito e doveroso va quindi alle famiglie di Sanza che hanno creduto e credono in questo modo diverso di fare cultura e di costruire crescita sociale” ha concluso.

Lascia un Commento