Sant’Angelo a F. (SA) – Sequestrato un frantoio dal corpo forestale

Gli uomini del corpo forestale dello stato hanno sequestrato un frantoio a Sant’Angelo a Fasanella nell’ambito di un’operazione sui frantoi oleari presenti nel territorio dell’area protetta del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Durante un normale servizio di sorveglianza nelle aree protette, la forestale ha scoperto la presenza di rifiuti liquidi e nerastri dai quali veniva emanato un odore acre e pungente. Nel corso di un sopralluogo effettuato nei pressi di un frantoio situato poco lontano, in località "San Vito", i forestali hanno verificato all’esterno della struttura, un piazzale dove veniva scaricata la sansa della lavorazione delle olive, senza nessuna protezione dalle intemperie atmosferiche, e dove i liquidi si immettevano in due pozzetti collegati a due tubi, uno collegato ad una cisterna, l’altro si riversava su un terreno cespugliato. In realtà il primo tubo era sganciato e quindi il liquido finiva sulla strada comunale e in una cunetta e direttamente nel torrente "GROTTE", affluente del fiume "AUSO". In un controllo dei documenti, il corpo forestale ha riscontrato che non era compilato nè vidimato nessun registro dalle autorità competenti. Il frantoio è stato chiuso e l’area sequestrata. Il titolare, un 47enne, è stato denunciato.

Lascia un Commento