Sanità, pazienti in fuga dal Sud. La migrazione per cure vale 4,6 miliardi

Dal Sud si continua ad emigrare per ragioni sanitarie, per farsi curare fuori regione. Dalla Campania ad esempio si va in Lombardia per una terapia oncologica: che si tratti di ricoveri, day hospital, visite o somministrazione diretta di farmaci, gli italiani sono un popolo di ‘migranti della salute’.

La mobilità interregionale nel 2017 ammonta a 4,6 miliardi di euro ed un “fiume di denaro ancora poco trasparente”. E’ il quadro tracciato dallo studio della Fondazione Gimbe, da cui emerge come ad attrarre i pazienti sono soprattutto le grandi Regioni del Nord. Le prime mete sono Lombardia ed Emilia Romagna, che insieme ricevono oltre 1/3 della mobilità attiva. Le Regioni da cui i residenti ‘fuggono’ sono invece Lazio (14%) e Campania (10%), che insieme contribuiscono a quasi il 25% della mobilità passiva che in Campania ammonta a circa 302 milioni di euro.

Lascia un Commento