Sanità, la Regione Campania aumenta gli stipendi dei manager. E’ polemica

E’ polemica in Regione Campania per la delibera della Giunta regionale che ha deciso l’aumento dei compensi destinati ai direttori generali di Asl e Aziende ospedaliere.

Il provvedimento è stato pubblicato il 14 agosto sul Bollettino ufficiale della Regione.

La delibera in pratica restituisce ai manager quel 20% di retribuzione che otto anni fa era stato tagliato osservando la legge del 2008 sulla stabilizzazione della finanza pubblica.

Secondo quel disposto legislativo, le Regioni possono non applicare il taglio se nel loro territorio vi sono “forme di partecipazione dei cittadini alla spesa sanitaria di effetto finanziario equivalente”. Si tratta in sostanza dei ticket, a carico dei pazienti, su accertamenti diagnostici e prestazioni ambulatoriali. Ticket che esistono e sono stati anche aumentati negli anni scorsi in seguito al disavanzo della sanità campana. La riduzione del venti per cento allo stipendio dei dg «risulta alternativa – si spiega in delibera – con l’applicazione di forme di partecipazione alternative alla spesa sanitaria».

Ma a quanto ammonta il nuovo stipendio dei manager della sanità?

Ai manager della prima fascia (in cui rientrano l’Asl di Salerno e l’azienda ospedaliera Ruggi d’Aragona) viene attribuito ora un compenso annuo lordo di pochissimo inferiore ai 155mila euro, il massimo consentito dalle norme nazionali, con un incremento di circa 30mila euro rispetto all’attuale trattamento economico.

Una risposta

  1. Giuseppe 24/08/2017

Lascia un Commento