Sanità, la Regione Campania al Ministero perla verifica del piano di rientro

La Regione Campania oggi al Ministero dell’Economia e delle Finanze presenterà un grosso faldone sulla sanità al tavolo di verifica del piano di rientro.

Fra le voci figurano una certificazione dei Lea (livelli essenziali di assistenza) a 163 e il consolidamento del pareggio di bilancio da cinque anni. A presentare i numeri sarà il governatore e commissario alla sanità, Vincenzo De Luca, e il suo consigliere per la sanità Enrico Coscioni.

La Regione ricorderà i risultati sui Lea negli ultimi tre anni: il livello era 105 nel 2015 ed ora attende la vidimazione di quota 163 per il 2018. Un livello che, ricordano da Palazzo Santa Lucia, è oltre quello minimo di 160 come obiettivo. In più verrà presentato il consolidamento del pareggio di bilancio, quello che nel 2010 aveva portato al commissariamento della sanità campana per i 9 miliardi di euro di debiti. Un pareggio consolidato certamente con dei sacrifici, ma che ha anche permesso un primo sblocco del turn over e quindi la ripartenza delle assunzioni.

L’obiettivo è la certificazione da parte del Mef di queste cifre, prima di tutto per frenare la nomina del nuovo commissario alla sanità al posto di De Luca. Proprio ieri la frenata della Lega sulla sanità della Campania è stata accolta con sorpresa dal ministro della Salute Giulia Grillo che ha dichiarato: “oltre che sconcertante appare irrazionale” lo stop arrivato dal viceministro della Lega Massimo Garavaglia alla nomina di un nuovo commissario. Grillo ha ricordato che il 29 marzo era proprio il Mef che gli scriveva per chiedere di concertare la nomina del Commissario e del sub commissario della Campania e del Lazio.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento