Sanità, il Mef approva il Piano Ospedaliero della Regione Campania. Ascolta

I ministeri della Salute e dell’Economia hanno confermato e formalizzato l’approvazione del nuovo Piano Ospedaliero della Regione Campania. La notizia si è appresa ieri sera al termine della riunione al Mef del tavolo tecnico di verifica sugli adempimenti finanziari e sui livelli essenziali di assistenza in Campania.

“E’ stato confermato – si legge in una nota della Regione – l’equilibrio finanziario raggiunto dalla sanità campana e il superamento della soglia prevista per i Lea, che sarà formalizzato, sul 2018, come accade per ogni annualità, al termine del primo semestre di quest’anno”. E’ stato inoltre confermato che entro il prossimo mese di maggio sarà dato il via libera al piano di edilizia ospedaliera.

La certificazione dell’avanzamento dei Lea fissa a quota 153 i Livelli a fine 2017. Enrico Cosconi, consigliere per la sanità del governatore campano De Luca, spiega che nelle tre ore di riunione sono stati analizzati tutti i punti portati dallo staff della Campania, guidato dal governatore De Luca, che è anche commissario alla sanità.

“C’è soddisfazione – ha dichiarato Coscioni alla fine della riunione – per aver raggiunto degli obiettivi precisi, cosa che non era scontato. Abbiamo notevolmente innalzato i Lea, di quasi 50 punti dal 2015 al 2017 e abbiamo anche certificato il pareggio di bilancio”. I rappresentanti del Mef, riferisce Coscioni, hanno richiesto la produzione di un documento unico che metta insieme la programmazione ospedaliera e la rete territoriale di medicina.

A Radio Alfa questa mattina ne abbiamo parlato con il segretario provinciale della Funzione pubblica Cisl-Salerno Pietro Antonacchio. Abbiamo raccolto anche il commento del presidente della Commissione Bilancio della Regione, Franco Picarone.

Ascolta
Pietro Antonacchio Tavolo Sanità al Mef

Presidente Commissione Bilancio Franco Picarone

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento