Sanità, De Luca “la Campania deve recuperare un secolo di rapine”

“La sanità campana deve recuperare un secolo di rapine subite. Non c’è nessuna soddisfazione”. Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha commentato il riparto dei fondi nazionale della sanità tra le Regioni, che vede la Campania incassare 100 milioni più dello scorso anno. La Campania ha ricevuto 10,3 miliardi di euro dei 110 miliardi complessivi.

De Luca parla di contributo significativo che la Regione utilizzerà al meglio, in particolare sulle specializzazioni. Spiega che sono state recuperate risorse imponenti a partire da 3 anni di premialità, con 900 milioni di euro, oltre a 270 milioni per ex articolo 20 sull’edilizia sanitaria che la Campania non usava da 20 anni. “Aver messo a posto i conti ci ha consentito – ha aggiunto il governatore – di recuperare fondi ordinari. Poi sullo sfondo resta il problema di equilibrio generale del riparto del fondo sanitario nazionale. E su questo dovremo combattere con altre regioni del centro nord”.

De Luca ieri ha avuto una riunione con i direttori generali delle Asl e degli ospedali campani richiamando la loro attenzione anche sulle nuove priorità per completare il lavoro di raggiungimento degli obiettivi della griglia dei Livelli essenziali di assistenza, in cui entrano anche la procreazione assistita e la rete medicina territoriale con la realizzazione di poliambulatori capaci di filtrare la domanda di salute per evitare di ingolfare sempre i pronti soccorso.

Lascia un Commento