San Rufo, un tasso morto davanti alla struttura che ospita 8 minorenni stranieri

Un tasso morto è stato rinvenuto questa mattina nel cortile d’ingresso della Casa dei popoli di San Rufo, struttura che da maggio scorso ospita 8 minorenni stranieri non accompagnati.

Dalla cooperativa Iris che gestisce la struttura fanno sapere che si tratta di un “gesto spiacevole e manchevole di rispetto nei confronti di otto persone giunte a San Rufo per essere accolte e integrate. Si tratta inoltre di una violazione della sfera privata”.

La cooperativa Iris ha denunciato l’episodio contro ignoti ai Carabinieri di Polla sperando si possa far luce sull’accaduto e scoraggiare ogni altro tentativo di rendere difficoltosa la permanenza dei ragazzi a San Rufo.

“I ragazzi – ha spiegato la presidente della Cooperativa, Emiliana Salvioli – si sono adattati bene sia alla struttura che alla comunità di San Rufo. Ci dispiace che il gesto di qualche scellerato debba mettere in cattiva luce la voglia di accoglienza e di ospitalità che la comunità sanrufese sta dimostrando nei confronti dei ragazzi.

Lascia un Commento