San Matteo, aperti i festeggiamenti con l’alzata del panno. Le parole di mons. Bellandi

Si sono aperti ufficialmente ieri i festeggiamenti in onore del Santo Patrono di Salerno, san Matteo. Ieri pomeriggio è stata celebrata in cattedrale la tradizionale alzata del panno di San Matteo ad un mese dalla festa che si svolge il 21 settembre.

Alle 19 al Duomo la messa solenne sulla tomba dell’apostolo officiata dal parroco Don Michele Pecoraro. Al termine della funzione religiosa la processione del braccio nell’atrio poi i portatori hanno issato, nel quadriportico, il panno che raffigura San Matteo mentre nell’anno 1534 solleva una tempesta ed impedisce una distruttiva incursione saracena. Alla base di quel telo è la famosa iscrizione che riporta le parole attribuite all’apostolo: «Salerno è mia: io la difendo».

Quello di ieri è stato il primo momento ufficiale del nuovo arcivescovo di Salerno Mons. Bellandi che si è unito solo nella parte finale alle celebrazioni per l’alzata del panno. Al termine del rito un gioco di luci colorate per augurare a tutte le migliaia di fedeli presenti un “buon mese di San Matteo”.

Ascoltiamo un estratto delle parole di Mons. Bellandi

Mons. Bellandi

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento