Salta lo stato di agitazione degli autotrasportatori della Fai Salerno

Salta la manifestazione di protesta che era stata promossa dagli autotrasportatori aderenti alla Fai, e che doveva tenersi domani. La decisione è stata assunta dopo una riunione durante la quale la federazione autotrasportatori italiani di Salerno ha preferito evitare disagi ai cittadini, con la promessa, però, di affrontare i problemi di viabilità che li riguardano.

In particolare i problemi riguardano la mobilità attuale, che impedisce l’accesso dei mezzi pesanti che superano i 75 quintali al tratto tra Salerno e relativo porto e Cava de’ Tirreni. Sono infatti chiuse al traffico ai camion oltre i 75 quintali sia la A3, per controlli di sicurezza della viabilità, che la strada statale, per ordinanze comunali. I tir sono costretti ad andare sull’autostrada A30 Caserta Salerno, percorrendo 50 km in più con maggiori costi e disagi.

Gli autotrasportatori, dunque, rinunciano allo stato di agitazione, ma confidano che i divieti imposti non superino il periodo di 90 giorni annunciato, e inoltre non cedono sulla richiesta di apertura in entrambi i sensi di marcia di Via Benedetto Croce.

Lascia un Commento