SALERNO – Un arresto per riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione

Riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione ai danni di una giovane connazionale. Con questa accusa i carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, nella tarda serata di ieri, hanno sottoposto a fermo d’indiziato di delitto una ventenne rumena. Dalle indagini è emerso che la vittima, una 19enne, dopo essere stata obbligata da un connazionale a prostituirsi in Sicilia, è stata venduta a un altro romeno, che la costringeva a svolgere l’attività sulla litoranea di Battipaglia, sotto la sorveglianza dell’arrestata. I carabinieri sono intervenuti, ieri sera, quando la donna ha cercato, anche con la violenza, di evitare la fuga della 19enne, che era stata avvicinata dal suo ex fidanzato, anche lui rumeno, il quale cercava di portarla in salvo. I militari hanno quindi accertato la colpevolezza della 20enne, sottoponendola a fermo. Proseguono le indagini.

 

Lascia un Commento