SALERNO – Termovalorizzatore, De Luca replica a Gasparri sfidandolo ad un confronto pubblico

Il sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, replica al capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri sulla questione dell’indagine relativa al progetto per il termovalorizzatore di Salerno, "sfidandolo" a un pubblico confronto. De Luca sottolinea, con ironia, di essere indagato "per una terribile ipotesi di reato di abuso di ufficio per avere io nominato ‘project manager’ anziché ‘coordinatore’, il responsabile del gruppo di lavoro per il termovalorizzatore di Salerno". Scrive in una nota il sindaco di Salerno: "Leggo – proditoriamente distratto dalla festa di Capodanno con Biagio Antonacci e dagli impegni culturali legati alle zeppole e ai panettoni – una dichiarazione accorata e disperante del sen. Gasparri (con rispetto parlando). Scopre il suddetto il De Luca-indagato per il termovalorizzatore, e si avventura in domande laceranti, che confermano il suo carattere di pinguino di razza della politica italiana. Non ci macchieremo dell’imperdonabile colpa di farci disturbare il nostro Capodanno nella nostra città-giardino. Dopo le feste e a digestione completata, a tempo perso, saremo pronti a sfidare il sullodato genio politico a un pubblico confronto sulle vicende riguardanti la giustizia, la camorra, i termovalorizzatori e tutte le forme di immondizia politica e non della regione Campania. Ovviamente auguri a tutti per il nuovo anno e soprattutto auguri a noi stessi di non dover ascoltare ancora eccessive bestialità. E al Sen. Gasparri, che conferma di avere come Sancho Panza più di tondo che di acuto, un ‘in bocca al lupo’ e tanta buona fortuna", conclude De Luca.

Lascia un Commento