SALERNO – Soppressione Tribunale di Sala C., sindaci pronti a ricorrere alla Corte Costituzionale

Non c’erano tutti e 28 i sindaci del Vallo di Diano, Tanagro, Alburni e Golfo di Policastro, all’incontro di questa mattina in prefettura a Salerno, sulla questione della soppressione del Tribunale di Sala Consilina, destinato ad essere accorpato a quello di Lagonegro. All’incontro, richiesto dal sindaco Gaetano Ferrari, hanno partecipato una quindicina di primi cittadini ed alcuni esponenti politici di Provincia Regione e deputazione nazionale.
L’incontro era stato richiesto dal sindaco Gaetano Ferrari nel corso del Consiglio comunale straordinario del 28 agosto aperto a tutti i sindaci del territorio. Al prefetto Pantalone i 28 sindaci del territorio in cui ricade la giurisdizione del tribunale salese hanno presentato un documento in cui è sintetizzata tutta l’attività fatta in questi mesi per difendere il tribunale ed evidenziando che non si ottiene alcun risparmio cancellando il presidio di giustizia salese. I presenti non hanno escluso la possibilità di presentare un ricorso alla Corte Costizionale. Secondo i presenti, nella decisione contenuta nel decreto, trasformato in legge, che contiene i tagli e gli accorpamenti, il Governo sarebbe andato oltre il mandato conferitogli dal Parlamento.

Lascia un Commento