Salerno, sindacati in presidio per chiedere correttivi alla Legge di bilancio

I sindacati chiedono che nella legge di bilancio siano inseriti una serie di provvedimenti in materia di lavoro, previdenza, welfare e sviluppo.

E’ per questo motivo che anche a Salerno, a sostegno dei tavoli di trattativa in corso con il Governo, sabato 14 ottobre, dalle 10, le organizzazioni sindacali provinciali di Cgil, Cisl e Uil terranno un presidio unitario nel piazzale antistante la sede della Prefettura di Salerno, in piazza Amendola, per sensibilizzare l’opinione pubblica ed essere ricevuti dal prefetto Salvatore Malfi al quale saranno dettagliate le posizioni delle parti sociali.

“In particolare i sindacati rivendicano più risorse sia per l’occupazione giovanile che per gli ammortizzatori sociali, oltre che il congelamento dell’innalzamento automatico dell’età pensionabile legato all’aspettativa di vita”.

I rappresentanti dei lavoratori, dunque, chiedono una legge di bilancio che sia equa e indirizzata allo sviluppo, oltre a tener conto delle richieste avanzate da Cgil, Cisl e Uil nei tavoli di confronto con il Governo. Inoltre i sindacati chedono la riduzione dei requisiti contributivi per l’accesso alla pensione delle donne con figli o impegnate in lavori di cura, con l’adeguamento delle pensioni in essere e risorse aggiuntive per la sanità e il finanziamento adeguato per la non autosufficienza.

Lascia un Commento