Salerno, senza soldi nè giustizia ma viva. La storia di Filomena Lamberti

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Nella notte del 28 maggio 2012, il marito le versò sul volto e sul corpo un intero flacone di acido muriatico. Non sopportava la decisione di Filomena di separarsi.

Sono passati cinque anni da allora e la giustizia ha fatto ben poco per Filomena Lamberti, oggi 58 anni, salernitana, la prima donna italiana sfregiata dall’acido da un compagno violento.
Il marito, qualche mese dopo, fu condannato a 18 mesi di carcere e durante la detenzione, delegando un terzo, le portò via anche tutti i soldi svuotando il conto, intestato a lui, di tutti i risparmi frutto dell’attività di famiglia (una pescheria).
Filomena, che vive di stenti, costretta anche a pagare i farmaci e le cure mediche non autorizzate dal SSN, ha dovuto subire 24 interventi chirurgici ed è in attesa del 25esimo. Una speranza per lei arriva dall’iniziativa della Regione Campania di finanziare con 3 milioni di euro, borse lavoro per rendere indipendenti le donne vittime di violenza, e con 5 milioni di euro le spese sanitarie. 

Eppure, nonostante tutto, Filomena si definisce libera e attraverso Radio Alfa fa appello a tutte le donne vittime di abusi e violenze: “non fate il mio errore, informatevi e denunciate”   

Riascolta l’intervista realizzata da Ersilia Gillio
Filomena Lamberti

 

 

 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

#IoRestoACasa

Ecco un video che spiega come fermare il contagio da #coronavirus

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp