Salerno, senegalesi e cingalesi in piazza per rivendicare il diritto al lavoro

“Negli ultimi mesi la comunità senegalese e cingalese si è resa protagonista delle cronache a causa dello sgombero del mercato etnico del sotto piazza della Concordia a Salerno. A fine febbraio ci è stato imposto di lasciare il sotto piazza, dove abbiamo esercitato la nostra professione per oltre 12 anni” così scrivono in una nota congiunta, l’associazione dei senegalesi e dei cingalesi di Salerno, che hanno deciso di scendere in piazza per rivendicare il loro diritto al lavoro.

La manifestazione è in programma lunedì 8 Maggio.

L’obiettivo è difendere la dignità di lavoratori e chiedere maggiore partecipazione nelle decisioni che li riguardano direttamente.

La partenza è prevista da piazza della Stazione alle 9.00.

Le due comunità invitano tutti i cittadini a prendere parte “per dimostrare che la solidarietà tra esseri umani non conosce confini né barriere” – così scrivono nella nota.

Già lo scorso 9 Aprile, un giorno prima del corteo, senegalesi e cingalesi avevano annullato la manifestazione poiché l’amministrazione aveva promesso loro un nuovo accordo: lo spazio del piazzale Salerno Capitale, nelle vicinanze del Grand Hotel Salerno. Accordo che, seppure a malincuore, decisero di accettare. Dopo qualche giorno però, senza alcuna giustificazione, l’Amministrazione comunicò loro l’impossibilità del progetto. Dopo aver ascoltato  tutte le soluzioni proposte, le due comunità lamentano però che non è mai stato chiesto loro un parere sulla questione né la possibilità di concordare insieme alle autorità una risoluzione definitiva.

Da qui la decisione di scendere in piazza per far sentire la propria voce.

Lascia un Commento