SALERNO – San Matteo, il calendario delle celebrazioni religiose

Settembre è il mese di San Matteo e la Chiesa lo festeggia con celebrazioni liturgiche e appuntamenti per favorire la riflessione e la preghiera. Il calendario dei festeggiamenti religiosi prevede per giovedì 8 settembre l’omaggio floreale a san Matteo alle 20 in piazza Flavio Gioia, presiede per la prima volta S.E. Monsignor Luigi Moretti. Da lunedì 12 settembre alle 18.45 la “novena” in onore di san Matteo. Giovedì 15 settembre alle 10.30 presso la casa circondariale di Salerno, celebrazione Eucaristica e Benedizione con il braccio di san Matteo. Preside S.E. Monsignor Luigi Moretti.
Domenica 18 settembre la “Giornata della Fede” alle 19.00 presso la Cattedrale di Salerno celebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Monsignor Gerardo Pierro Arcivescovo emerito di Salerno-Campagna-Acerno, con la partecipazione delle parrocchie della Diocesi.
Lunedì 19 settembre la “Giornata della Speranza” alle 19.00 presso la Cattedrale di Salerno celebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Monsignor Orazio Soricelli Arcivescovo di Amalfi-Cava, con la partecipazione delle parrocchie della Diocesi.
Martedì 20 settembre la “Giornata della Carità” alle 19.00 presso la Cattedrale di Salerno celebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Monsignor Giuseppe Giudice Vescovo di Nocera Inferiore- Sarno, con la partecipazione delle parrocchie della Diocesi.
Mercoledì 21 settembre si tiene la “Solennità di san Matteo” presso la Cattedrale dalle 7.00 alle 09.00 con celebrazioni Eucaristiche ogni 30 minuti. Alle  10.30 il PONTIFICALE con S.E. Monsignor Luigi Moretti, con la partecipazione dei Vescovi della Metropolia, del presbiterio salernitano, delle autorità civili e militari e del popolo di Dio. Alle 16.30 celebrazione Eucaristica per i portatori e “promessa” a San Matteo. Alle 18.00 processione per le strade della città con i simulacri di san Matteo, san Giuseppe, san Gregorio VII e dei santi Martiri Salernitani. Al termine della processione “affidamento” della città di Salerno a san Matteo e al rientro delle statue lode cantata alla Madonna “S. Maria degli Angeli” raffigurata nel mosaico dell’abside centrale della cattedrale.

Lascia un Commento