SALERNO – Roberti duro contro Alfano

Il procuratore capo di Salerno, Franco Roberti, non condivide le parole del ministro della Giustizia Angelino Alfano che ieri, riferendosi ai magistrati, ha detto che la mafia "si può combattere senza andare in tv o a fare convegni" ma restando a lavorare in procura. Per anni coordinatore e sostituto procuratore della Dda di Napoli, Roberti ha affermato: "Forse, al governo certe cose non fa piacere che si sappiano. Per noi la giustizia è per i cittadini non per il governo”. Secondo Roberti è opportuno che i magistrati mantengano la massima riservatezza ma quanto affermato dal ministro non c’entra con l’efficienza o l’inefficienza della giustizia. Il suo giudizio non è condivisibile, sostiene il procuratore di Salerno il quale ha concluso dicendo che i magistrati non devono essere certo degli opinionisti in tv ma devono contribuire alla corretta informazione in tema di giustizia.

Lascia un Commento