SALERNO – Rettore e Preside di Scienze della Formazione dell’Ateneo salernitano rinviati a giudizio

Il Rettore dell’Università degli Studi di Salerno e il Preside della Facoltà di Scienze della Formazione sono stati ieri rinviati a giudizio dinanzi al Tribunale di Salerno, II Sezione Penale, per il reato di abuso d’ufficio. La vicenda trae origine dall’esposto-denuncia presentato da alcuni studenti della Facoltà di Scienze della Formazione, che lamentavano il mancato riconoscimento di un’abbreviazione della durata del Corso di Laurea. Sulla questione il Tar di Salerno si era pronunciato affermando la legittimità dell’operato degli organi accademici. Il titolare delle indagini, Frattini, in seguito a questa sentenza aveva chiesto l’archiviazione del caso, proposta non accolta però dal Gip. Questa mattina dall’ateneo è giunto il comunicato ufficiale in cui si ribadisce come la Facoltà di Scienze della Formazione e l’Università degli Studi si siano sempre attenuti scrupolosamente al rispetto della normativa vigente. Tutti gli atti sono stati previamente e attentamente valutati, istruiti dagli organi interni preposti e sottoposti al vaglio del Direttore amministrativo, che ne ha certificato la piena regolarità. Tutte le deliberazioni oggetto di contestazione sono state sempre assunte dagli organi collegiali e mai singolarmente. Il Rettore si dice convinto che il Tribunale chiarirà in tempi brevi la irrilevanza penale della contestazione, escludendo ogni responsabilità, continuando ad avere piena fiducia nell’operato della magistratura e nei valori di garanzie e legalità che da sempre la connotano.

 

Lascia un Commento