Salerno – processo Mcm, assolti De Luca e altri imputati. I commenti

Assolti, perché "il fatto non sussiste", il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca e tutti gli altri 12 imputati nel processo su presunte irregolarità nella variante urbanistica che permise la delocalizzazione delle Manifatture Cotoniere Meridionali dall’area di Fratte alla nuova zona industriale di Salerno. La decisione ieri è giunta dalla II Sezione penale del Tribunale di Salerno.

“Dopo 12 anni, finalmente la verità su quella variante”, è stato il commento a caldo dell’avvocato Paolo Carbone, difensore del sindaco-viceministro De Luca. Il tribunale ha accolto la richiesta di proscioglimento avanzata nell’ultima udienza del procedimento dal pm Montemurro per tutti i 13 imputati: oltre De Luca, tra gli altri nomi illustri, l’ex sindaco di Salerno Mario De Biase, l’ex presidente dell’Asi Felice Marotta e l’imprenditore Gianni Lettieri ex presidente dell'Unione industriali di Napoli, oggi leader dell'opposizione in Consiglio comunale di Napoli.

 

“Le indagini ed il processo sono stati strumentalmente utilizzati per gravissime denigrazioni personali, politiche e mediatiche rivolte al sottoscritto ed al Comune di Salerno”. Così il sindaco viceministro Vincenzo De Luca commenta la sua assoluzione nell’ambito del processo MCM a Salerno. con De Luca assolti perché il fatto non sussiste anche gi altri 12 imputati. “Mi auguro – ha aggiunto De Luca – che dopo la sentenza chi si è reso responsabile di queste offese possa ritrovare il senso della misura ed il rispetto della dignità umana”. De Luca e tutti gli altri imputati avevano chiesto esplicitamente il giudizio rinunciando ai termini di prescrizione, sottolineando rispetto e fiducia nell'azione della magistratura.

Commenta la sentenza di assoluzione anche l’altro imputato Gianni Lettieri secondo il quale “il Tribunale di Salerno ha finalmente messo fine ad una vicenda surreale, pronunciandosi con un’assoluzione piena perché il fatto non sussiste”. “Ho atteso – ha aggiunto Lettieri – rispettosamente questa sentenza per anni, durante i quali ho subìto, in special modo durante la campagna elettorale per le comunali di Napoli, vergognosi attacchi strumentali e privi di fondamento. Purtroppo – conclude – non riceverò delle scuse ma qualcuno dovrebbe riflettere”. L’ex presidente degli industriali di Napoli ricorda che ora l’obiettivo è  di portare a termine un enorme investimento privato.

Lascia un Commento