Salerno, povertà educativa. Sorprendenti risultati del progetto Pantaku’

Povertà educativa: nel 2018 la Campania è ancora la prima regione per indice negativo.

Il 77,9% dei minori nella fascia 6-17 anni non ha assistito ad uno spettacolo teatrale, il 69,3% non ha visitato un museo o una mostra e il 69,1% non ha letto un libro, nell’anno precedente alla rilevazione.

In questo contesto nasce “Panthakú. Educare dappertutto”, selezionato dall’Impresa Sociale Con i Bambini nell’ambito del fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Capofila è Ai.Bi. Associazione amici dei bambini e 24 sono le realtà pubbliche e private partner di un progetto selezionato insieme ad altri 85 tra gli oltre 800 presentati sul Bando Adolescenza in tutta Italia.

A quasi un anno dall’avvio del progetto, il report di monitoraggio di Human Foundation e Fondazione Carisal conferma l’efficacia del lavoro di rete tra scuole, insegnanti, famiglie, studenti, associazioni ed esponenti del mondo dell’artigianato: ripartire dal dialogo, dalla cultura e dall’entusiasmo per evitare la fuga dai banchi.

I primi risultati sono stati sorprendenti: il 73,8 per cento dei ragazzi coinvolti afferma di poter fare affidamento per il futuro soprattutto sulla propria famiglia. Non solo: oltre il 60 per cento è intenzionato a prendere un diploma e ben il 56 per cento intende laurearsi. Il 58 per cento degli studenti svolge regolarmente attività sportiva, di cui riconosce i benefici in termini di salute, socializzazione e divertimento.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento