Salerno: Porto, per Bonavitacola e Iannuzzi sbagliato accorpare le autorita’ portuali

Il Decreto Legge “Sblocca Italia”, che il Consiglio dei ministri si appresta a varare, comprende anche norme riguardanti il sistema portuale e quindi l’accorpamento delle autorità portuali di Napoli e Salerno. Un provvedimento, che secondo i deputati salernitani Fulvio Bonavitacola e Tino Iannuzzi,

“produrrebbe risultati sicuramente opposti a quelli voluti, considerate le ben distinte problematiche che interessano i due scali e che da una commistione di governance non riceverebbero alcun beneficio”.  

Per i due parlamentari, la scelta del Governo di rafforzare l’integrazione delle piattaforme portuali e logistiche per costruire condizioni di maggiore competitività del Sistema paese in generale è certamente e decisamente giusta e condivisibile, ma potrebbero essere illogicamente contraddetti da generalizzati accorpamenti di Autorità Portuali. Bonavitacola e Iannuzzi per contrastare l’accorpamento delle autorità di Napoli e Salerno stanno portando avanti ogni iniziativa ed ogni contatto utili in sede governativa perché ritengono il decreto legge uno strumento inappropriato per affrontare il tema del riassetto istituzionale dei porti. I due parlamentari salernitani del Pd chiedono che questo tema vada scorporato dal decreto “Sblocca Italia”, optando per un Disegno di Legge organico.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento