Salerno: Politica, scaduto il termine per la presentazione delle liste

In provincia di Salerno i comuni che andranno al voto il prossimo 25 maggio per rinnovare i consigli comunali sono 56. Il Movimento Cinque Stelle è presente solo in cinque municipi. Nell'Agro nocerino-sarnese i riflettori sono puntati su Sarno, Nocera Superiore e Pagani. A Sarno i candidati sindaco sono sei e si portano dietro un carico di oltre 400 aspiranti consiglieri. Il Pd sostiene Giuseppe Canfora, su cui convergono Rifondazione comunista, La Sinistra (nata dalla scissione con Sel) e una civica. Il centrodestra, al contrario, è spaccato. C'è il candidato espressione del parlamentare di FdI Edmondo Cirielli, Sebastiano Odierna, ex assessore della Provincia, sostenuto da Fratelli d'Italia, Noi Sud, Riformisti e una civica. L'Udc e Forza Italia, invece, puntano su Antonio Crescenzo. Giovanni Montoro raccoglie invece pezzi di Sel (“Rete Libera” e conta sull'appoggio di Democrazia federalista e di una civica. I grillini puntano su Ernesto Odierna, mentre “Sarno attiva” è l'unica civica dell'outsider Lucio Annunziata. Pagani torna al voto dopo un commissariamento durato due anni e lo scandalo giudiziario che ha travolto l'ex sindaco Alberico Gambino, poi assolto nel processo per camorra. Il suo ex braccio destro, Massimo D'Onofrio, è il candidato di Fratelli d'Italia e di due civiche. A sfidarlo saranno Salvatore Bottone (Forza Italia e due civiche), l'assessore regionale all'Ambiente nel 1998, Angelo Grillo (Pd, Psi e due civiche), già sindaco, Pietro Pisacane (una civica) e l'ex sindaco Ds Antonio Donato. A Nocera Superiore, invece, il candidato delle tre civiche espressione di Cirielli è Roberto Viziola. Il Pd schiera Andrea Monetti, supportato anche da tre civiche. Nella Valle dell'Irno i comuni più grandi chiamati al voto sono Mercato San Severino, Baronissi e Pellezzano. A Mercato San Severino ci riprova il sindaco uscente, nonché assessore regionale all'Ambiente Giovanni Romano contro il democrat Carmine Ansalone, l'ex consigliere provinciale Idv Carlo Guadagno, l'assessore uscente Rosario Bisogno (Ncd e Udc) e Gerardo Fenza con una civica espressione dell'associazione “Amici della Terra”.

Sfida al vertice a Baronissi. Cinque i candidati. Il sindaco uscente Giovanni Moscatiello è riuscito a mettere insieme Forza Italia e Fratelli d'Italia. Il consigliere regionale del Pd Gianfranco Valiante fa lo stesso, supportato da una coalizione di centrosinistra (Pd, Sel, Idv e Rc) che ha inglobato anche l'Udc. Per i socialisti c'è Giovanni Sessa, ex sindaco di Fisciano. E infine le new entry Tony Siniscalco e Gennaro Esposito. Quattro i candidati sindaco a Pellezzano: Alfonso Berritto (espressione di centrodestra), Giuseppe Pisapia (più vicino al centrosinistra), Pasquale Giordano (ex vicesindaco) e la grillina Raffaella Vitale. Nella Piana del Sele la competizione è tutta concentrata a Bellizzi, dove si sfidano due ex. Da un lato l'ex Ds Mimmo Volpe e dall'altro il sindaco uscente Pino Salvioli. Sulle scorse elezioni pende un giudizio al Consiglio di Stato, dopo che Volpe aveva presentato ricorso al Tar su presunte irregolarità durante le operazioni di voto e il primo grado decise di far rivotare in alcune sezioni. Di traverso il candidato dei penta stellati Antonio Granato. A Sant'Arsenio in campo c'è il consigliere regionale del Pd, Donato Pica. Infine a San Cipriano Picentino e a Vietri sul Mare tornano due ex, rispettivamente Attilio Naddeo e Cesare Marciano.

Questa la sintesi dei candidati a sindaco nei principali comuni dell'area Vallo di Diano e Golfo di Policastro. A Caselle in Pittari due le liste in corsa. “Movimento Caselle domani” con candidato a sindaco l’architetto Silvio Fiscina, new entry della politica locale; mentre l’amministrazione uscente con la lista “Uniti per Caselle” sarà guidata dall’agronomo Maurizio Tancredi. Anche a Rofrano due le liste in corsa. Ritorna l’ex sindaco Giuseppe Viterale che capeggerà la lista “Unione per Rofrano”. A contrastare Viterale, in una sorta di derby di famiglia, il nipote Nicola Cammarano con una lista civica. A Casalbuono il sindaco uscente, Attilio Romano, tenta il terzo mandato con la lista “Uniti per Casalbuono”. A contrapporsi il dipendente della Camera di Commercio, capogruppo di opposizione uscente, Giuseppe Viola, con la lista “Per Casalbuono”. A Teggiano giochi fatti da alcune settimane. Anche in questo caso due le liste in corsa. Il medico Rocco Cimino con la lista “RinnoViAmo Diano” si contrappone alla lista guidata dal medico Pietro Di Candia, erede dell’attuale sindaco Michele di Candia, con la lista “Teggiano va Avanti”. A Sant’Arsenio, dopo i diversi colpi di scena, giochi fatti e tre candidati alla carica di primo cittadino. Il dottore commercialista Maria Consiglia Viglione con una lista di partito, il Pd, in contrapposizione alla lista guidata da Antonio Coiro, “Rinascita civica per Sant’Arsenio” ed alla lista civica “Per Sant’Arsenio” guidata da Giuseppe Pica, presentata nella giornata di ieri. A Buonabitacolo, infine, sciolti tutti i dubbi e accantonate le strategie. Sarà il giornalista Elia Rinaldi a capeggiare la lista  “Unione e progresso” che si confronterà con la lista capeggiata dal giovane Nicola Fico, “Innovazione verso il futuro”. La scelta di Rinaldi è frutto della condivisione anche dal sindaco uscente, Beniamino Curcio. in sostanza due liste che in realtà non sono in completa contrapposizione ma probabilmente alleate nell’azione di governo futuro, a prescindere da chi si aggiudicherà la competizione elettorale. Ad Auletta 4 liste in corsa. Il Sindaco uscente, Pietro Pessolano con “Uniti per Auletta”, sfiderà il vice sindaco uscente Giocondo Luigi Gagliardi candidato con la lista civica “Cambia Auletta”. In corsa anche Carmine Cocozza con “Amiamo la Nostra Terra”. In pista anche Nicola Pessolano con la lista “Amiamo la nostra Auletta”. A Caggiano si contenderanno la poltrona da primo cittadino, sicuramente Angelo Maria Carucci, vicesindaco uscente e contrapposto al sindaco Giovanni Caggiano che corre con una sua lista civica; si aggiungono Giuseppe Cafaro, altra lista civica. Infine la novità del Movimento 5 Stelle con candidato a sindaco Paolo Lupo. Due gli sfidanti a Salvitelle con due distinte liste civiche. Con la lista “Per Salvitelle” corre Raffaele Manzella mentre con la lista “L’ulivo” è candidato Francesco Perretta. A San Pietro al Tanagro dove è riconfermata la lista del sindaco uscente Domenico Quaranta che sfiderà la lista civica capeggiata da Giovanni Graziano ed a Sala Consilina dove dopo la lista ufficializzata dal Movimento 5 Stelle, guidata dal giovane attivista Antonio Gallo, presentata la lista dell’avvocato Francesco Cavallone, assessore uscente dell’amministrazione Ferrari, “Sala Viva”. Consegnata anche la lista del "Gruppo Positivo" con candidato Antonio Santarsiere, quella di "Progetto Sala" con candidato il commercialista Giuseppe Colucci; l’annunciata lista di Gino Cardano, "Buongiorno Sala" una compagine di Destra guidata dal consigliere comunale uscente Michele Galiano. A San Rufo due le liste in corsa. La lista dell'amministrazione uscente che sarà guidata da Michele Marmo, vicesindaco di Gianna Benvenga che sarà in lista "Impegno e solidarietà per San Rufo" si confronterà con la lista "San Rufo possibile" capeggiata dal giovane Mario Sellaro. A Castelnuovo di Conza due le liste in corsa: la lista “Paese Mio” candidato sindaco Michele Iannuzzelli e la lista Castenuovo Aria Gentile” con candidato sindaco Francesco Di Geronimo.

Lascia un Commento