Salerno, per Porto di Parole sculture di luce ridisegnano la facciata di Santa Margherita

Grandi architetture di luce saranno scolpite sulla facciata della chiesa di Santa Margherita a Salerno (le cui origini vengono fatte risalire al 1200), per la prima giornata di Porto di Parole, l’evento dedicato alla lettura ed alle narrazioni differenti.

Un’esperienza immersiva ed iperreale sarà quella che Andrea Bisconti proporrà giovedì 30 maggio, dalle 20.40, nel villaggio che quest’anno ha come titolo “Cittàstorie”. L’ingresso della chiesa si trasformerà in una gigantesca tela sulla quale saranno costruite scenografie virtuali in HD e saranno proiettate anche le parole tratte dal decalogo “Parole in ordine” della Commissione Pari Opportunità dell’Ordine dei Giornalisti della Campania. Un monito per grandi e piccini sul loro buon uso, sia nella vita reale che virtuale. 

A tagliare il nastro della settima edizione giovedì 30, dalle 9.00 alle 12.30, ci sarà l’incontro-festa con due autrici Roberta della Fera e Sabrina Rondinelli. Il pomeriggio il villaggio aprirà i battenti alle 18.00: ad accogliere grandi e piccini ci sarà Oreste Castagna con il suo spettacolo “Trilogia di Oscar Wilde”. Sarà accompagnato al pianoforte dal M° Ciro Caravano (nella foto). A seguire, come in un flusso di emozioni continue alle 20.30 ci sarà il decoro del grande Albero della Pace.

L’evento è organizzato da Saremo Alberi Libroteca con il contributo della Regione Campania, della Scabec, del Comune di Salerno, del Comune di Pontecagnano, Fondazione della Comunità Salernitana Onlus ed il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti della Campania – Commissione Pari Opportunità. La direzione artistica è firmata in collaborazione con Andrea Ballabio ed i Nuovi Scalzi.

Dal 30 maggio al 1 giugno  a Salerno (quartiere Santa Margherita) sarà allestita una “CittaStorie” dove la scienza incontrerà la storia, strizzando l’occhio alla geografia senza dimenticare la matematica, la fisica, l’astronomia ed ovviamente la fantasia per il più grande gioco dedicato alle parole. La mattina i bambini ed i ragazzi delle scuole (oltre 1000) saranno coinvolti in una competizione che s’ispira alla formula di “giochi senza frontiere”. Per la 3 giorni di Porto di Parole mamme, insegnanti e nonni daranno voce e fiabe e favole da leggere in compagnia.

Tutte le info ed i dettagli dell’iniziativa sono sulla pagina facebook www.facebook.com/salernoportodiparole e sul sito internet www.portodiparole.com.


Lascia un Commento