SALERNO – Parte dal reparto avanzato la rivoluzione della Salernitana

Mutti e Fabiani, in considerazione dei problemi di Dino Fava, delle cessioni certe di Turienzo e Girardi, dei dubbi legittimi a proposito di Arturo Di Napoli, immaginano di puntare con decisione su un tandem nuovo di zecca. Bogdani dal Chievo (nella foto) e il giovane Okaka dalla Roma potrebbero essere i prescelti. Trattative già avviate con i due club per portare a buon fine le operazioni che presentano difficoltà diverse. Perchè per Bogdani c’è da raggiungere un’intesa sull’ingaggio, abbastanza esoso, percepito dal calciatore che avrebbe, comunque, già dato il suo personale assenso al trasferimento in granata, mentre per Okaka bisogna prima convincere il calciatore e poi superare l’agguerrita concorrenza di molti altri club cadetti che stanno facendo, in queste ore, un pensiero sul talentuoso colored romano. In ogni caso si tratterebbe di operazioni a termine; a fine campionato entrambi rientrerebbero alla base. La Salernitana immagina di coprire il costo delle due operazioni attraverso la cessione di Arturo Di Napoli, cessione che non comporterebbe un introito di denaro fresco ma che permetterebbe un indubbio risparmio nella voce ingaggi. Sistemato l’attacco, le attenzioni del club si sposteranno sul reparto mediano dove con Carmine Coppola arriverà anche un altro centrocampista. Anche in questo caso la Salernitana avallerà una cessione importante, uno tra Soligo o Tricarico dovrebbe partire. Le attenzioni del club granata sono tutte indirizzate verso Ciaramitaro ma non si disdegnano anche altre soluzioni, ad esempio Carobbio che potrebbe approdare a Salerno via Siena. Per la difesa c’è da sistemare in primis le due corsie esterne: Del Prete del Siena e Parisi del Bari i nomi più gettonati. Solo dopo verrà presa in considerazione la questione portiere.

Lascia un Commento