SALERNO – Operazione WWF antibracconaggio

Operazione antibracconaggio del Wwf Salerno che a Bracigliano ha denunciato un soggetto che deteneva illegalmente in un manufatto di sua proprietà, diversi “cardellini” senza anello identificativo provenienti da attività di uccellagione. In Costiera Amalfitana, invece, sono stati individuati e sequestrati 6 richiami acustici, illegali, che riproducevano il verso della quaglia. Nella vasta area di riserva naturale Foce Sele Tanagro, un gruppo di Guardie WWF Salerno, in seguito a precise segnalazioni, ha bloccato l’attività illecita di alcuni bracconieri che avevano organizzato, probabilmente, una battuta di caccia ai “cinghiali”. I responsabili si sono dati alla fuga, ma alcuni di loro sono stati identificati. Infine, le guardie del Wwf sono riuscite a salvare un esemplare di “Poiana” ritrovato sofferente in un terreno a Capaccio. L’animale non era più capace di volare e presentava con una ferita ad un’ala, probabilmente causata da pallini da caccia. Soccorsa, la Poiana, dopo le prime cure è stata portata presso il CRAS dell’ASL di Napoli, Centro di recupero per rapaci, dove sarà curata, riabilitata e successivamente rimessa in libertà. Non sono mancati i controlli sui Fiumi e nelle acque interne, dove sono stati verbalizzati diversi soggetti per attività di pesca senza licenza e con mezzi illegali. Inoltre sono stati segnalati diversi abbandoni e depositi di rifiuti non pericolosi.

Lascia un Commento