SALERNO – Operazione Re Mida, scarcerate Primaverile e De Leo

Sono tornati in libertà due degli indagati nell’inchiesta “Re Mida” sulle finte Onlus finanziate dalla Provincia di Salerno, negli anni scorsi. Si tratta di Sabina Primaverile e Pamela De Leo, rimesse in libertà dal Tribunale del Riesame che ha accolto il ricorso dei loro difensori. Entrambe avrebbero presentato ai giudici documentazione che proverebbe l’esecuzione e la fatturazione di progetti ed iniziative facenti capo ad associazioni Onlus finite nel mirino dell’inchiesta. Restano agli arresti domiciliari, i due dirigenti di Palazzo S.Agostino, accusati di peculato aggravato: Vittorio Aliberti e la responsabile della contabilità Giovanna Musumeci. Tutti e due hanno chiesto di essere riascoltati dai magistrati per chiarire aspetti della loro condotta in relazione alle accuse.

Ai pm ieri si sono presentate per dichiarazioni spontanee anche Primaverile e De Leo.

Lascia un Commento