SALERNO – Nessun sito salernitano inserito tra quelli a cui sono destinati fondi straordianari.

Nessun sito delle provincia di Salerno e di Avellino è stato inserito nell’elenco dei beni culturali campani per i quali saranno destinati i 5 milioni di euro stanziati dal Consiglio superiore dei Beni culturali in seguito alla conversione in legge del decreto dello scorso marzo. La denuncia è del soprintendente Gennaro Miccio, presente alla conferenza nel corso della quale sono state illustrate le opere. A godere di circa la metà dei fondi, 2 milioni e 500mila euro, sarà il Palazzo Reale di Napoli. Sempre a Napoli, interventi riguarderanno l’Archivio di Stato, la chiesa di San Paolo Maggiore, la chiesa del Gesù Nuovo. Per la Reggia di Caserta sono stati stanziati 400mila euro. Sempre in provincia di Caserta, fondi per l’Ufficio e il Museo di Santa Maria Capua Vetere e per la Basilica del Corpus Domini di Maddaloni. A godere dei fondi, sarà anche il Palazzo Ducale di Mondragone e il Teatro Romano di Benevento. Attenzione anche per la chiesa di Sant’Anna a Capri.

Lascia un Commento