SALERNO – Nel prossimo incontro, una Salernitana ridotta all’osso

Per prima cosa bisogna fare la conta dei disponibili, poi eventualmente valutare tanti altri aspetti. L’handicap più importante da affrontare e risolvere in questa lunga vigilia del match in programma sabato a Bergamo contro l’Albinoleffe riguarda principalmente l’organico, perchè fra infortunati, acciaccati e squalificati, Castori dovrà preparare la gara della vita avendo un gruppo ridotto all’osso. Russo e Pestrin squalificati, Fava e Barrionuevo indisponibili, Ciarcià e Peccarisi molto probabilmente out, Turienzo e Soligo sulla strada del recupero. Insomma un quadro a tinte fosche che rende ancor più problematica e intrigata una situazione di per se complessa. A questo punto Castori cercherà con l’ausilio dello staff medico di accelerare il recupero quanto meno di Soligo e Turienzo, per poter disporre almeno di due pedine in più. Inutile aggiungere che ci sarebbero giocatori che a prescindere dalle condizioni fisiche, meriterebbero di tirare il fiato, di metterci un pò in disparte, anche per riordinare le idee sotto gli occhi di tutti insomma che Marchese, Tricarico e forse anche Di Napoli in condizioni di assoluta normalità potrebbero anche cedere il passo a beneficio di qualche compagno, ma ciò è praticamente impossibile tanto più che Castori tiene in scarsa considerazione a ragione o a torto i vari Piccioni, Giannone, Carcioni, e Gerardi. Scelte condivisibili o meno, ma pur sempre scelte, e fin quanto toccherà al premier di Tolentino decidere moduli e formazione, è giusto che sia così.

Lascia un Commento