SALERNO – Monsignor Scarano sarà ascoltato dal PM di Salerno martedì

I magistrati della Procura di Salerno che indagano sul conto di monsignor Nunzio Scarano, prelato 61enne originario di Salerno, martedì 30 luglio saranno a Roma nel carcere di Regina Coeli, per ascoltare il prelato, nell’ambito dell’inchiesta campana che lo vede indagato per riciclaggio assieme ad altre 56 persone. Don Nunzio ha già spiegato ai magistrati romani, che indagano per il mancato ritorno in Italia di 20 milioni di euro dalla Svizzera, l’operazione avvenuta nel 2009 a Salerno con lo scambio tra soldi e assegni circolari per una somma complessiva di 560mila euro. Su tali vicende indaga la Procura di Salerno che ha già raccolto le deposizioni degli altri indagati. Su uno dei due conti aperti allo Ior da don Nunzio Scarano, il “conto anziani”, sarebbero confluite le donazioni che il prelato salernitano avrebbe utilizzato, secondo gli inquirenti, per molteplici movimenti finanziari. I due conti sono stati congelati dal Vaticano all’indomani dell’arresto del sacerdote. Don Nunzio ieri è stato ascoltato nuovamente dai pubblici ministeri romani Nello Rossi e Stefano Fava. Uno dei suoi legali, l’avvocato Silverio Sica del Foro di Salerno, ha riferito che don Nunzio sarebbe dimagrito notevolmente

Lascia un Commento