Salerno, manca il cibo. La mensa dei poveri “San Francesco” chiude in anticipo

Chiude in anticipo di dieci giorni la mensa dei poveri “San Francesco” di Salerno. Ieri sono stati serviti gli ultimi 200 pasti.

La mensa chiude i battenti in anticipo per mancanza di riserve di cibo.

La struttura di via D’Avossa ha ospitato ogni giorno decine di bisognosi caduti in povertà dopo aver perso il lavoro. E’ amareggiato il gestore della mensa, Mario Conte, che fino all’ultimo si è appellato ad istituzioni e cittadini con richieste rimaste inascoltate: “Ho fatto decine di appelli alle istituzioni e ai cittadini, ma ci hanno lasciato a secco. Abbiamo dato fondo a tutte le riserve e ci siamo ritrovati con il frigorifero e quattro congelatori completamente vuoti. Per garantire l’ultimo pasto sono stato costretto a fare la questua tra gli amici, altrimenti avremmo dovuto chiudere anche prima” così ha detto Conte.

A restare attiva sarà invece l’associazione salernitana Venite Libenter,gestita dal presidente Rossano Daniele Braca, che garantirà 80 pasti ogni domenica sera e circa la metà ogni lunedì sera, compreso il giorno della vigilia di Ferragosto.

Lascia un Commento