SALERNO – Le vele della legalità. Tre giorni di sport con giovanissimi protagonisti

Sport e legalità, il binomino al centro delle tre giorni organizzata dal Forum nazionale dei giovani, ospitato per il secondo anno a Salerno per la sua assemblea nazionale, in collaborazione con Comune e Regione. Una sessantina di ragazzi della locale scuola del mare "Michele Petrone", i protagonisti delle due veleggiate, al Club velico salernitano di piazza della Concordia. Ma non solo. Tra i presenti anche 200 delegati di 80 associazioni che aderiscono al Forum nazionale e regionale dei giovani. 
Caratteristica simbolica delle veleggiate della legalità è l’assenza di giudici di gara. Sono i giovani concorrenti, una volta tornati sulla terraferma, a dover "ammettere" le penalità compiute e decretare i vincitori. 
Oltre che per lo sport, c’è spazio anche per arte, musica e teatro, con un concorso per giovani emergenti. 
  
La presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini ha inviato un messaggio al Villaggio della legalità definendo l’iniziativa "una testimonianza di rilievo su un tema decisivo per la ripresa del paese, sia dal punto di vista economico quanto di quello etico". Nel sul messaggio, la presidente della Camera ha anche parlato di "una bella modalità per ricordare il sacrificio di Angelo Vassallo", associando l’evento alla memoria del sindaco di Acciaroli ucciso nel 2010.
Proprio domani intanto è prevista l’ultima tappa della pedalata della legalità. Un gruppo di ciclisti partito da Fano, domani mattina compirà l’ultimo tratto di percorso, da Salero ad Acciaroli, in onore dell’indimenticato primo cittadino di Pollica.

Lascia un Commento