SALERNO – Le opere pubbliche in ritardo? Non è colpa del comune. Parola di De Luca

Il 2013 sarà l’anno della svolta per le opere pubbliche a Salerno. Ne è convinto il sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca che ha fatto il punto della situazione dei lavori in corso e dei cantieri fermi nel corso del consueto appuntamento di S come Salerno, in onda su RADIO ALFA il giovedì alle 12,45. E tanto per cominciare, De Luca ribadisce che ci sono dei ritardi nei cantieri delle grandi opere ma non sono imputabili alle intenzioni o alla volontà del comune. "Il comune non è in ritardo di un minuto, sostiene il primo cittadino indicando invece quali sono, a suo parere, gli ostacoli che si frappongono a quello che da anni è il sogno del sindaco, la rivoluzione urbanistica della città di Salerno: il patto di stabilità e i rapporti difficili con gli enti nazionali che hanno interesse o che in qualche modo sono coinvolti nell’opera. Il Patto di stabilità, per De Luca è una trovata demenziale visto che non consente di spendere oltre una certa cifra, anche se è disponibile.
Ma ecco sinteticamente il punto della situazione secondo il sindaco di Salerno
Stazione marittima: "A primavera sarà completa, sostiene De Luca che non nasconde le difficoltà avute per i pagamenti" 

Piazza della libertà: "Sappiamo i problemi tecnici che abbiamo avuto. Ora abbiamo risolto il problema per il tratto di piazza che riguarda la stecca di negozi a lato S.Teresa e entro la fine di questa settimana definiamo il progetto di consolidamento per il resto della piazza" 

Crescent: "Dopo i ricordi e contro ricorsi, oramai abbiamo il primo livello del colonnato. Per fine gennaio saremo al terzo piano e lì noi avremo uno dei punti di attrazione più significativi dell’Italia intera.

Lungoirno: "Da mesi stiamo trattando con Trenitalia per lo sfondamento del fascio binario all’altezza del Grand Hotel. E’ un calvario fare le trattative con le Ferrovie. Questa è l’Italia" ribadisce De Luca che sottolinea come è necessario che chi si pone degli interrogativi sul futuro di queste opere, faccia lo sforzo a capire qual è il problema vero.  

Trincerone est: "Finalmente, adesso sono cominciate le perforazioni in via Diaz per le colonne dell’impalcato del trincerone". 
Si apre poi a gennaio il cantiere di Porta Ovest, 150 milioni d’investimento. I primi lavori riguarderanno il tunnel che collega l’area nord con il porto di Salerno. il primo lotto è già cominciato. 

Cittadella giudiziara: "Un autentico calvario di viaggi a Roma. Mancano 6 milioni di euro per le prime 3 palazzine che sono pronte, ricorda il sindaco sottolineando che qui si scontano le difficoltà economiche dell’Italia".  
Per De Luca le opere che sono in corso a Salerno saranno un grande polo attrattivo monumentale per l’Italia moderna. "Noi campiamo di rendita sul colosseo, il Rinascimento o i Borboni ma poi non abbiamo fatto più nulla. L’Italia avrà altri punti di eccellenza da annoverare nel futuro, nella struttura urbanistica di Salerno.

 Ascolta la puntata in Podcast

Lascia un Commento