Salerno – La vela di Bofil lascia il posto alla Torre di Bernini

Sarà presentato con molta probabilità a febbraio al comune di Salerno il progetto di finanza della torre (di vetro) da 30 piani in piazza della Concordia, disegnata dall’architetto milanese Dante Benini. Un progetto da 350 milioni di euro che oltre alla torre prevede altri 8 edifici e un parco tra la stazione ferroviaria e il vecchio scalo commerciale. L’idea si sostituisce alla vela immaginata da Bofil, ma le immagini del nuovo progetto hanno già fatto il giro della rete suscitando varie reazioni (nella foto la prima pagina del quotidiano la Città).
Il progetto su cui stanno ragionando una trentina di architetti, è stato già illustrato nel corso dell'Eire a Milano. Cambierà lo "skyline" ma sarà rivoluzionata anche tutta l'area retrostante alla stazione, un'area di 126mila metri quadrati che arriva fino al vecchio scalo commerciale di Via Dalmazia (che i salernitani conoscono come "la piccola") in si prevede la realizzazione di un grande parco, edifici da destinare sia ad attività commerciale che sportiva ma anche palazzi a scopo residenziale.
Sulla destinazione del grattacielo di Benini al momento non c'è chiarezza. E' probabile che abbia uno scopo turistico così com'era previsto in principio per la Vela di Bofill. L'architetto milanese ha previsto, tra l'altro, una terrazza attico su cui poter ammirare il golfo di Salerno (come accade per esempio sulle mega terrazze dei grattacieli newyorkesi o sulla Tour Eiffel) e un eliporto sul tetto. La torre dovrebbe sorgere esattamente dinanzi piazza Mazzini mentre l'attuale parcheggio sarà sostituito da uno spazio pedonale e i posti auto invece saranno realizzati nel sottosuolo.
L'architetto prevede 3 anni per la realizzazione.

COSA NE PENSATE? LASCIATE UN COMMENTO NELLO SPAZIO COMMENTI DI QUESTA NOTIZIA

Lascia un Commento