SALERNO – La Soget sia flessibile. Lo chiede De Luca dai microfoni di RADIO ALFA

"Ci hanno fatto quest’altro bel regalo". Ironizza così il sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, ospite fisso settimanale a S come Salerno in onda su RADIO ALFA il giovedì alle 12.45. Il regalo è la "visita" degli ispettori della ragioneria di Stato arrivata dopo un’interrogazione contemporanea dei consiglieri comunali d’opposizione e di alcuni parlamentari del PDL. "Ci dissero che dovevamo fare dei controlli sui versamenti dei contributi al Comune. Il comune non c’entra con quello che sta accadendo in questi giorni. Molti cittadini ci fanno sapere di aver avuto avvisi di accertamento anche solo per non aver pagato le tasse su un metro quadrato. E’ chiaro che non possiamo dire non pagate. Va pagato tutto, ma abbiamo detto alla Soget di verificare anche a chi inviano gli accertamenti e le cartelle di pagamento. In molti casi si tratta di appartamenti la cui particella catastale non è aggiornata.
Non è su queste situazioni che bisogna accanirsi. Ci sono nella zona industriale a Salerno capannoni di 7mila metri che pagano per 2mila. Perfino la caserma dei Carabinieri non paga la Tarsu che dovrebbe e questi che fanno? Stanno facendo il pelo a tutti. Abbiamo chiesto alla Soget non di chiudere un occhio ma almeno di essere flessibili". Conclude De Luca che torna anche sulla vicenda dei tagli ai comuni. "Ci hanno ridotto i fondi per il sociale del 50%, da 60 a 30 milioni, ricorda De Luca, e stiamo facendo i salti mortali per garantire i servizi, come il trasporto dei bambini disabili. Ma è una vergogna. Tutte le decisioni sono prese con cinismo. Hanno tagliato anche l’assegno di accompagnamento per gli invalidi mentre le banche fanno utili colossali"
Ma per De Luca il problema non è solo questo. "Salerno è uno dei pochi, forse 10 comuni in Italia ad approvare il bilancio di previsione entro il 31 dicembre. E’ ovvio che a giugno tutte le nostre attività sono in corso e se il governo decide di fare dei tagli a metà anno manda tutto in rovina"

    Ascolta la puntata in Podcast

Lascia un Commento