Salerno – Incompatibilità. Il consiglio non decide e rinvia alla Commissione Statuto

Dopo cinque ore di discussione si è conclusa la seduta del consiglio comunale di Salerno convocata per discutere, tra le altre cose, anche sull’incompatibilità del sindaco-viceministro. Il civico consesso ha, sostanzialmente, deciso di non decidere. L‘assemblea ha infatti approvato il documento inviato nei giorni scorsi da De Luca, contenente le sue controdeduzioni e in cui si dichiarava non incompatibile per non aver ricevuto le deleghe da viceministero, e rinvia ogni determinazione alla Commissione consiliare per lo Statuto.
In sostanza dunque il Consiglio comunale ha fatto propria questa lettera con i voti della maggioranza, 23 favorevoli e sei contrari.
Non sono mancati, comunque momenti di tensione. I militanti del gruppo giovanile di Fratelli d’Italia hanno esposto all’esterno del Comune uno striscione con la scritta "Incompatibile" rimosso poi dagli agenti della Polizia Municipale. Scientille anche all’interno del Salone del Gonfalone. Il consigliere d’opposizione Celano prima del voto aveva definito le controdeduzioni di De Luca "una lettera di Totò".
De Luca non era presente al dibattito

Lascia un Commento