SALERNO – In mille alla manifestazione regionale della Cisl contro gli sprechi

Erano più di mille, secondo gli organizzatori, i partecipanti alla manifestazione regionale di questo pomeriggio a Salerno, indetta dalla Cisl sulla questione della Revisione della Spesa. Si è svolto un corteo da Piazza Amendola fino al Palazzo della Provincia a cui hanno partecipato lavoratori provenienti da tutta la provincia di Salerno e dall’intera Campania. Presente a Salerno anche il segretario generale del sindacato campano, Lina Lucci, che insieme a Giovanni Giudice, numero uno della Cisl salernitana, ed i segretari nazionali di categoria della Funzione Pubblica, Pensionati, Scuola e Università, ha lanciato un vero e proprio appello alle istituzioni locali, rivolgendosi prima di tutto al sindaco De Luca e al presidente della Provincia Cirielli.

“Servono proposte concrete, serve un nuovo paradigma. Le amministrazioni locali- ha aggiunto dichiarato il leader della Cisl campana – hanno il dovere insieme a noi di mettere in atto tutte le azioni possibili per uscire da quest’emergenza da codice rosso. La parola d’ordine resta lotta agli sprechi”. Lina Lucci dice che il sindacato è pronto alla mobilitazione contro regione, province e comuni se non presentano un piano credibile di riduzione delle partecipate.

“A Salerno –ha detto Lucci – ci sono ancora 17 partecipate comunali e 31 provinciali.  Sono due anni che la Cisl della Campania chiede di incontrare il sindaco De Luca, ma per ora non c’è stata risposta alle nostre sollecitazioni. Siamo in un clima di ricostruzione – ha ribadito il segretario Cisl – il sindacato moderno e responsabile l’ha capito, è ora che lo capiscano anche le amministrazioni locali, che fanno finta, per convenienza, che la creazione di posti di lavoro e le condizioni di attrazione di un territorio non dipendano da quali politiche attive sono in grado di mettere in campo”.

Lascia un Commento