Salerno, in fila per un selfie con Salvini

Centinaia di persone in fila ieri pomeriggio a Salerno, per oltre un’ora, per un selfie con il ministro Matteo Salvini.

Fra loro anche il 16enne Seck Mamadou, nato in Italia, e genitori provenienti dal  Senegal. Ha voluto farsi una foto con Salvini perché, per lui, è un uomo perbene ma deve sistemare alcune cose e parlare in modo diverso. “Nel mio Paese, una famiglia dove su sei figli, uno riesce ad andare via, quella è l’unica speranza. I porti – ha detto Seck -non vanno chiusi, Salvini deve seguire con più attenzione, però, soprattutto questioni come il permesso di soggiorno, la carta di identità per gli stranieri che vogliono mettersi in regola”.

In fila, anche molti giovani e padri di famiglia che hanno voluto congratularsi con Salvini. Qualcuno è arrivato anche dalla Calabria.  

Non sono mancate le contestazioni: esponenti di associazioni come Arcigay, Salerno Meticcia, Marea, Arci Salerno, Uds, Link e altre, hanno urlato “Odio la Lega, siamo tutti antifascisti”.


Lascia un Commento