Salerno: Il Capo della Polizia al raduno ANPS elogia Salerno

"Da uomo del Sud sono contento di essere tornato nella mia terra e nella mia provincia. Salerno rappresenta un simbolo di ripresa e rinascita del Mezzogiorno che noi abbiamo l'obbligo di rendere sempre più sicuro", a dirlo il Capo della Polizia, Alessandro Pansa, originario di Eboli, ieri a Salerno nella seconda e ultima giornata del Sesto raduno dell'Associazione nazionale polizia di stato. Il numero uno della Polizia ha voluto anche ringraziare tutti i poliziotti, quelli in servizio in questo momento e quelli che anche se non più in servizio "continuano a portare avanti i valori e i principi della Polizia di Stato, dedicando il loro impegno sul fronte della legalità e della sicurezza".

Pansa ha poi detto che in un momento delicato come questo di crisi, la spesa va comunque fatta, ma va fatta senza sprechi. La Polizia di Stato rappresenta una parte fondamentale all'interno della comunità e il suo contributo è imprescindibile. "Per le forze dell'ordine e per la Polizia di Stato, si richiede una maggiore attenzione rispetto ad altri comparti, seppure importanti ma non trainanti come il nostro. Più che di spending review, comunque – rimarca il Capo della Polizia – noi pensiamo di razionalizzare le nostre risorse. Abbiamo un'organizzazione che per molti comparti è stata ideata più di trenta anni fa, quindi sicuramente dobbiamo adattarla alle esigenze più attuali. Questo ci consentirà non solo di razionalizzare alcune risorse e di risparmiare, ma anche di utilizzare le risorse risparmiate nei settori più sensibili".

Lascia un Commento