Salerno: I sindaci protestano all’Asl tra tensione e sit in

Rabbia e momenti di tensione questa mattina a Salerno per la manifestazione di protesta e sit in dei sindaci della Provincia di Salerno presso la Direzione Generale dell’Asl per protestare contro la gestione della sanità locale.

Presenti all’appello insieme al Sindaco di Eboli Martino Melchionda, i primi cittadini ed i rappresentanti dei comuni di Scafati, Montecorvino Pugliano, Sala Consilina, San Marzano sul Sarno, Baronissi, Gioi, Ceraso, Colliano, Pagani, Campagna, Vibonati, Sarno, San Valentino e Sapri. Presenti anche i consiglieri Regionali Monica Paolino e Donato Pica, la CGIL, il presidente della  comunità montana “Vallo della Lucania” Carmine Laurito e una delegazione del comitato spontaneo delle mamme di Eboli.

Momenti di particolare tensione quando ai sindaci e al consigliere regionale Paolino non è stato permesso di accedere ai piani superiori della struttura di via Nizza tanto che i presenti hanno tenuto una conferenza stampa seduti sulle scale della Asl, con tanto di fascia tricolore.

A RADIO ALFA in diretta sono intervenuti il sindaco di Scafati, Aliberti, quello di Sapri Del Medico e il commissario di Sarno, Basile. 

Il sindaco Pasquale Aliberti, oltre a ribadire le motivazioni della protesta, ha detto che l'emergenza non è garantita su tutto il territorio e poi ha attaccato duramente il manager Asl affermando che Squillante si porta sulla coscienza i morti della sanità. Il direttore generale Squillante, intervenuto a Radio Alfa, ha detto che è squallido speculare sulle morti. Ha poi spiegato che oggi era a Napoli per un incontro alla Corte dei Conti e che non aveva ricevuto nessuna richiesta d'incontro dai sindaci.

Il sindaco di Eboli Melchionda, al termine della manifestazione ha annunciato l'intenzione di rivolgersi direttamente a Caldoro.

Lascia un Commento