SALERNO – I riciclati della politica

Escono dalla porta per rientrare dalla finestra. Sono tanti i politici che, bocciati dagli elettori alle urne o anche dai partiti in sede di definizione dei candidati, vengono riportati all’interno della vita politica attiva, attraverso nomine all’interno di enti ed incarichi pubblici. Una schiera vasta, un vero e proprio esercito dei riciclati. Ecco alcuni esempi concreti del sistema del “TUTTI DENTRO”.
GOVERNO – Erano in tanti, soprattutto in provincia di Salerno, ad attendere una nomina da sottosegretario per rientrare alla politica attiva. In questo senso non è accaduto nulla, però l’ex deputato di Forza Italia GUIDO MILANESE si è ritrovato con la presidente dell’ente Terzo Settore, l’organismo che sovraintende a tutto il sistema delle associazione No Profit d’Italia. Restano in attesa, ancora in tanti, per le nomine che riguardano la Presidenza del Parco Nazionale del Cilento, dopo la delusione per l’Autorità Portuale dove è arrivato, è bene ricordarlo, un altro politico fatto fuori alle ultime elezioni:
ANDREA ANNUNZIATA.
REGIONE
– Il caso di scuola è quello di MARIO DE BIASE, ex sindaco di Salerno, riciclato, nel giro di pochi mesi, dal Presidente della Giunta Regionale Antonio Bassolino, alla guida del Tavolo di Concertazione, organismo creato per le trattative con le parti sociali. Di recente un altro illustre esponente del centro sinistra ha ricevuto la benedizione dei vertici di Palazzo Santa Lucia. Da senatore uscente a grande escluso dal novero dei candidati alle ultime politiche, ANDREA DE SIMONE ha ricevuto l’incarico per la guida della Presidenza del Parco del Fiume Sarno.
AEROPORTO – In attesa della concessione definitiva ai voli, con la gara di appalto per la gestione, all’interno della società Aeroporto di Salerno Pontecagnano siede l’ex sindaco del comune di Pontecagnano Faiano DARIO DEL GAIS, bocciato alle ultime elezioni amministrative del centro dei picentini. Ciononostante Del Gais siede ancora in seno al Consiglio di Amministrazione in rappresentanza proprio del comune di Pontecagnano Faiano.
COMUNE DI SALERNO – Spesso e volentieri il sindaco Vincenzo De Luca, anche per motivi di stima e riconoscenza personale, ha voluto riciclare gli esclusi dal novero degli eletti con nomine all’interno delle società miste. L’ultimo caso, in ordine di tempo, è quello che riguarda l’ex Assessore Comunale alle Politiche Sociale NINO SAVASTANO, che da poco piu’ di un mese è entrato a far parte del Consiglio di Amministrazione della Centrale del Latte di Salerno.

tratto da: www.agendapolitica.it

Lascia un Commento