Salerno, hi-tech per far conoscere i monumenti ai più giovani

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Le Cotoniere Saldi

La mostra Salerno in particolare – Beni culturali e innovazione, realizzata dal Dipartimento di Scienze del Patrimonio culturale (DiSPaC) dell’Università degli Studi di Salerno, nell’ambito delle attività promosse dal Distretto ad Alta Tecnologia per i Beni Culturali (Databenc), in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Salerno e Avellino, ha dimostrato che l’alta tecnologia può essere un ottimo veicolo di comunicazione “culturale” soprattutto per i più giovani. Protagonista indiscusso del progetto, sviluppatosi nell’arco di oltre tre mesi a partire dallo scorso mese di novembre, è stato il Centro storico di Salerno, fulcro dell’identità storica, politica e culturale della città. 

Grazie a un’interessante mostra, un video sugli scorci più nascosti del Centro storico, le conversazioni con la città, una cartografia interattiva del patrimonio monumentale fruibile a Palazzo Ruggi, Palazzo Fruscione e presso il Museo virtuale della Scuola Medica Salernitana, nonché innovative installazioni multimediali e due app, sono state migliaia le persone coinvolte. Grande l’interesse soprattutto da parte degli studenti tanto da spingere gli organizzatori a prorogare l’evento fino al 28 febbraio.

Ne abbiamo parlato a Radio Alfa con la prof.ssa Mariagiovanna Riitano, Direttore del Dipartimento di Scienze del Patrimonio culturale dell’Università degli Studi di Salerno
Prof Riitano valorizzazione centro storico SA

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.
Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa
Le Cotoniere Saldi

Lascia un Commento