SALERNO – Forestazione, per i sindacati la Regione sta rinviando il problema all’infinito

“La regione Campania non può continuare a rinviare all’infinito il problema degli operai idraulico-forestali”. Lo affermano in una nota congiunta le segreterie di Flai-Cgil, Fai–Cisl, e Uila-Uil, che definiscono la situazione non più tollerabile e al limite della decenza. Per i segretari salernitani delle tre sigle sindacali, Basile, Garone e Marino la Regione si è dimostrata inattendibile anche rispetto all’ultimo impegno assunto, ossia quello di accreditare alle Comunità Montane, nel più breve tempo possibile, le somme relative all’antincendio boschivo 2012, e l’acconto parziale, del piano forestale 2011, per un importo di 13 milioni di euro. “Non c’è più tempo, ormai i lavoratori e le loro famiglie – è scritto ancora nella nota dei sindacati – sono alla disperazione, non riescono più a trattenere la rabbia che questa situazione paradossale ha generato”.

Flai, Fai e Uila chiedono al prefetto di Salerno di essere convocati insieme a UNCEM e Regione.

Lascia un Commento