Salerno – Falsi invalidi, si costituisce il medico sfuggito alla cattura

Era sfuggito all’arresto ieri mattina perchè impegnato a Firenze per motivi di lavoro. Angelo Cermi, medico di 32 anni, originario di Milano, ma residente a Mercato San Severino (Sa), ieri sera si è costituito ai carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore. Il professionista è coinvolto nell’inchiesta sui falsi invalidi che ieri mattina ha portato agli arresti domiciliari il consigliere regionale di Cava de’Tirreni, Giovanni Baldi, ed altri sette professionisti.
Cermi, come gli altri otto indagati è stato posto ai domiciliari. E dai particolari delle indagini dell’inchiesta “Spending review” sui falsi invalidi vengono fuori anche degli episodi curiosi. Nel luglio dello scorso anno, il consigliere regionale della Giovanni Baldi, secondo gli investigatori, avrebbe fatto pressioni sulla commissione per l’attribuzione della invalidità totale e per l’indennità di necessità di accompagnamento a due sorelle, una delle quali suora. Entrambe le donne, che – a loro dire – erano incapaci di deambulare autonomamente, sono state riprese dai Carabinieri mentre svolgevano nomali attività quotidiane.
Il medico Giovanni Baldi avrebbe mantenuto i contatti con i medici delle commissioni per l’accertamento di invalidità attraverso sms. Nell’ordinanza di custodia c’è anche il riferimento a pressioni esercitate da Baldi per gettare discredito su un sottufficiale dell’Arma impegnato nell’inchiesta. Baldi avrebbe anche cercato di convincere alcune persone, convocate per essere ascoltate, a smentire rapporti con lui. Relazioni che però sarebbero testimoniate, da numerose intercettazioni.

Lascia un Commento